26 giugno 2008 – Giornata mondiale ONU a sostegno delle vittime di tortura

26 giugno no alla tortura

NON DIMENTICHIAMO ABOU ELKASSIM BRITEL

Nel carcere di Oukasha i detenuti islamici hanno deciso di sospendere lo sciopero della fame, aderendo all’accorata richiesta di dieci associazioni, riunite in un gruppo di lavoro che si pone come interlocutore delle autorità marocchine. Troppo rischio di vita ad oltre 80 giorni di sciopero della fame, troppa pena per le famiglie che bussano inutilmente da anni alle porte del palazzo, e che in questi mesi hanno dato vita ad una vigorosa protesta.
Oggi l’opinione pubblica non può esimersi da una riflessione sulla sorte di questi uomini processati iniquamente nel 2003, detenuti in condizioni che si sono fatte ancor più penose dopo l’insediamento dell’attuale governo. Il palazzo ancora tace, le associazioni lavorano ed i risultati si vedranno presto.

Kassim ha scioperato per 82 giorni e so che grande forza gli ha dato il non esser solo.
Di lui vittima della tortura, ancora costretto a rischiare la vita per il proprio diritto alla giustizia e ad una condizione dignitosa, parla il suo agire.

Sosteniamo Abou Elkassim Britel: il suo caso ci riguarda da vicino – l’Italia ha gravi responsabilità – e va fatto conoscere. L’informazione aiuta ed è un contributo contro la pratica di tortura, ancora troppo diffusa ed impunita. Girare la testa dall’altra parte, pensare che qualche deroga al diritto sia giustificata, perché utile e quindi fattibile, ci rende solo meno umani e meno civili.

La Convenzione ONU contro la tortura, ed altre pene o trattamenti crudeli, disumani o degradanti entrava in vigore il 26 giugno 1987.

BERGAMO – Per la ricorrenza è allestita, presso il Polaresco, la video installazione Extraordinary Rendition di Giovanni Bianchini, che comprende il video Consegnato di Andrea Minoglio, liberamente ispirato alla vicenda di Abou Elkassim Britel.
Extraordinary rendition, è ideata con lo scopo di denunciare l’omonima pratica, ‘extralegale’, di alcuni governi di rapire, deportare, torturare e mantenere agli arresti chi è sospettato di terrorismo, senza alcun processo.

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in kassim, onu, sciopero della fame, tortura. Contrassegna il permalink.

2 risposte a 26 giugno 2008 – Giornata mondiale ONU a sostegno delle vittime di tortura

  1. ksakinah ha detto:

    Tutta la mia solidarietà e il mio affetto. Spero inshallah quest’incubo finisca presto! Un abbraccio fortissimo! k.

  2. anonimo ha detto:

    solidarietà sempre anche mia.
    Violet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...