Marocco – Manifestazione per i diritti dei detenuti islamici

È in corso a Rabat un’altra azione per richiamare l”attenzione sui diritti delle centinaia di detenuti islamici.
Da anni questi cittadini marocchini – alcuni con doppia cittadinanza come Abou Elkassim Britel – e le loro famiglie subiscono trattamenti disumani e degradanti dentro e fuori il carcere.
Le numerose sollecitazioni, interne e internazionali, a sanare gli iniqui processi del 2003 che hanno portato in carcere tanti innocenti, pregiudicando il futuro dei loro figli e la sopravvivenza delle famiglie, sono cadute nel silenzio.
Il regime rifiuta di intraprendere un percorso di revisione che renda finalmente giustizia e apra una concreta opportunità di riconciliazione sociale. La violenza resta la scelta delle autorità espressa nei recenti trasferimenti al carcere di Kenitra, dove è praticata ogni giorno con durezza e ferocia sui detenuti islamici, in barba a qualunque legge e alle convenzioni internazionali sui Diritti umani, peraltro sottoscritte dal Regno del Marocco .

Per i detenuti islamici e per i loro cari, per la fine dell’ingiustizia e della sofferenza, per la loro liberazione il 31 ottobre a Rabat ore 10, manifestazione organizzata da 5 ONG con la partecipazione di an-Nasir, l’associazione che sostiene i prigionieri e le famiglie.

Questa voce è stata pubblicata in alkarama, amdh, amnesty international, an-nasir, diritti negati, diritti umani, kassim, kenitra, marocco, OMDH. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...