Il caso Britel nel rapporto ONU sulla detenzione in segreto nella lotta al terrorismo

C’è anche Abou Elkassim Britel nello studio dell’ONU che verrà discusso a giugno.
Il caso è trattato per la parte che concerne le detenzioni arbitrarie subite, in evidenza soprattutto il ruolo del Marocco, meno quello di Pakistan e USA, per niente quello italiano.

Le reazioni suscitate dalla diffusione del rapporto in gennaio hanno provocato lo spostamento del dibattito previsto per marzo, come spiega l’articolo di swissinfo Rapporto ingombrante sulle prigioni segrete del 14 marzo 2010.

Amnesty International : «I governi devono essere chiamati a rispondere delle detenzioni segrete», in inglese: http://www.amnesty.org/en/news-and-updates/news/governments-must-held-account-secret-detentions-20100127

Nelle carceri segrete dove non ci sono diritti e la tortura è la regola di Umberto De Giovannangeli, l’Unità del 30 gennaio 2010

ll rapporto ONU è scaricabile qui :
http://www2.ohchr.org/english/bodies/hrcouncil/docs/13session/A-HRC-13-42.doc

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in amnesty international, diritti umani, guerra al terrore, kassim, la storia, marocco, onu, sparizioni forzate, tortura. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...