Giustizia negata, Guantanamo e noi

La base navale di Guantanamo iniziava ad operare come un centro di detenzione per gli uomini catturati nel presidente Bush cosiddetta “guerra al terrore” l’11 gennaio 2002. Otto anni fa.

Ce lo ricorda l’America Civil Liberties Union (ACLU), con un post e questo video:

Qualche parola dal loro sito e l’invito a vedere Giustizia negata, voci da Guantanamo, il video nel quale alcuni ex-prigionieri raccontano le loro storie. Parlano della loro cattura, della detenzione – alcuni per molti anni – e degli abusi all’interno della struttura, e il rilascio senza spiegazioni o scuse. Esseri umani come noi, come Abou Elkassim Britel ancora ingiustamente detenuto.

… Da quel giorno, quasi 800 prigionieri, uomini, un anziano di 98 anni e ragazzi di 13, sono passati attraverso Gitmo. … Guantanamo è diventato sinonimo di tortura e abuso.  La sua stessa esistenza è un simbolo del disprezzo per lo Stato di diritto.

…. Al suo secondo giorno in carica, il presidente Obama ha ordinato la chiusura della prigione di Guantanamo dal 22 gennaio 2010. Sembra ormai evidente che la scadenza passerà senza alcun cambiamento significativo nella politica per quelli ancora detenuti.  ….

Una vergogna per otto anni. È il momento di chiudere Guantanamo.

Fonte : il sito di America Civil Liberties Union (ACLU) – il video è prodotto in collaborazione con Cageprisoners

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in aclu, cageprisoners, diritti negati, extraordinary rendition, guantanamo, guerra al terrore, kassim, tortura. Contrassegna il permalink.