In viaggio per visitare Kassim, luglio 08

Amare giornate marocchine
Ho visto Kassim, ancor più magro del solito, non perde la speranza, ma è impaziente e stanco.

Non demorde, vuole uscire libero come suo diritto, purtroppo nulla pare scalfire la situazione.
Ad Oukasha tutto è peggiorato ancora, due visite la settimana è quanto mi è concesso. Inutile l’intervento del Consolato, nonostante le assicurazioni del Console: giovedi’ pomeriggio sono stata per 2 ore e 50’ all’interno del carcere senza poter vedere mio marito, qundo sono uscita era tardi, niente taxi in quella zona industriale e periferica, ho dovuto camminare a lungo per trovarne uno.
Le umiliazioni una dietro l’altra, la ruvidezza della maggior parte dei guardiani, controlli pesanti, sporcizia, ipocrisia evidente, .. e soprattutto Kassim ed io avremmo bisogno di parlare, di un po’ di tranquillità, ma fra tante urla, parole dure, com’è possibile?
Nel frattempo, le porte del carcere esterne ed interne da azzurre sono oggi color oro in spregio alla sofferenza e alla dignità negata che vi abitano.

Ho incontrato alcune persone di Ong e anche di organismi dello Stato, ringrazio chi mi ha accolto ed ascoltato con pazienza e spero sostengano la doverosa richiesta di libertà per Kassim.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in diritti negati, kassim, marocco, oukasha. Contrassegna il permalink.

3 risposte a In viaggio per visitare Kassim, luglio 08

  1. ksakinah ha detto:

    Speriamo bene cara. Ti sono vicina. Salam wa rahma

  2. anonimo ha detto:

    carissima,mi spiace che il tuo viaggio tanto,tanto desiderato ti lascia l’amaro in bocca.Comunque qualcosa di buono c’è,sei lì a pochi passi da lui e spero che potrai incontrarlo e stare un pò insieme al più presto.Da quello che dici incomincio a rendermi conto di quello che puoi provare e che se si può fare qualcosa lo puoi fare solo da qui,dove forse qualcuno disposto ad ascoltarti c’è e che bisogna insistere senza mai stancarsi.Ti aspetto in italia e ti ricordo quello che ti ho chiesto il giorno prima della tua partenza:se vuoi,vengo a prenderti in aeroporto,a volte fanno bene anche le piccole cose che qualcuno può fare per te.Un abbraccio

  3. khadijabritel ha detto:

    grazie infinite ad entrambe,
    purtroppo le visite non si svolgono affatto in un ambiente sereno. Arrivero’ a casa piano piano, il viaggio serve anche per riprendere la misura di una vita tanto diversa, cosi’ diversa da sembrare talvolta a me estranea.
    comunque insisto e Kassim con me,
    un caro saluto khadija

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...